Giocattoli per bambini, guida all’acquisto per fasce di età

Per i bambini il gioco è il primo strumento di presa di coscienza della realtà. Giocando imparano a toccare, a vedere, a pensare e a relazionarsi con gli altri. In più si tengono impegnati lasciando più libertà e autonomia ai genitori, sempre iper indaffarati. Ma quali sono i giocattoli migliori da regalare a un bambino? Dipende dalla fascia di età e dalla tipologia del gioco, ma è sempre utile verificare che oltre all’aspetto prettamente ludico il gioco possa essere un valido mezzo di apprendimento psico-motorio, in grado di stimolare le prime reazioni tattili e visive, di suscitare curiosità e aiutare il piccolo a coordinarsi nei movimenti. Oggi il mercato è pieno di giochi ‘intelligenti’ pensati e concepiti proprio per accompagnare i piccoli, già dai primi mesi di vita, su un percorso di sana crescita psico-fisica.

Mai come in questo campo la scelta può essere ampia e variegata, se ne può avere conferma visitando il sito www.miglioriprodottiperbambini.it. Non c’è che l’imbarazzo della scelta, ma l’orientamento all’acquisto dovrà tener conto, di volta in volta, della crescita del bambino che, via via, avrà bisogno di giocattoli e, conseguentemente, stimoli sempre nuovi. Non esiste il gioco perfetto, ma quello giusto anno per anno, è un percorso ‘in fieri’ che muta di pari passo con il cambiamento del piccolo e delle sue esigenze. E’, quindi, della massima importanza, captare le necessità del presente per intercettare le soluzioni migliori in grado di apportare divertimento, ma anche beneficio al piccolo destinatario, cercando per quanto possibile di assecondarne i gusti e le prime vocazioni, già intuibili nei primi anni di vita del pargolo 

Fermo restando che in ogni confezione è indicata la fascia di età consigliata per quel tipo di gioco, vale generalmente la tendenza che privilegia per i più piccoli giochi composti da parti fisse o grandi, da non staccare perché potrebbero essere pericolose se ingerite. Fin dai primi mesi si dà poi la preferenza ai giochi sensoriali, dotati di suoni e luci per coinvolgere gli Indiana Jones in erba all’esplorazione della realtà che li circonda. Una sfida emozionante fatta di piccole grandi scoperte che gratificano sia il bimbo che i genitori, appagati per i primi traguardi del proprio figlio.